Come Sbloccare una Chiavetta Usb Protetta da Scrittura

Oggi mi sono imbattuto in un problema che naturalmente ho risolto, non so se vi è mai capitato, praticamente sulla mia Pendrive o chiavetta usb non potevo ne scrivere e nemmeno formattarla, in quanto in quanto in Windows mi usciva l’errore che l’unita era protetta da scrittura.

La mia Pendrive o chiavetta non ha niente da poter impostare o modificare e non ha nessun tasto di blocco, quindi il caso era strano e non avevendo toccato niente involontariamente. ho fatto una ricerca su internet ed ho risolto il problema con Unlock Disk un software di LDC, il procedimento è semplicissimo infatti basta scaricare il software ed installarlo (Il software si installera mostrando un icona in basso a destra vicino l’orologio di Windows) e seguire la seguente guida:

Guida all’utilizzo:
Inserite la chiavetta nel PC
Avviate il programma Unlock Disk tramite l’icona nell’angolo in basso a destra vicino all’orologio
Selezionate la lettera dell’unità interessata
Cliccate sul pulsante chiamato Desbloquear

Se tutto è andato bene apparirà una finestra con scritto: “L’unità è stata sbloccata con successo“, naturalmente sarà  scritto in inglese o in spagnolo, potete scegliere la lingua sempre dall’icona che si trova sempre sull’angolo in basso a destra vicino all’icona dell’orologio.

Come Registrare Audio Online

La registrazione delle trasmissioni radio su Internet o di altri contenuti in streaming oggi è un compito abbastanza semplice. La maggior parte dei computer odierni è in grado di gestire ogni tipo di registrazione, in quanto dotati di hardware audio abbastanza versatile.

Per poter registrare la vosta stazione radio Internet preferita, potete usare il programma gratuito Freecorder.
La barra degli strumenti Freecorder rende la registrazione radio Internet molto semplice. Quando si installa Freecorder per la prima volta, automaticamente vi verrà visualizzata una schermata di configurazione che permette di scegliere facilmente

La cartella dove si desidera che il file vengono registrati.
Se si desidera che venga richiesto un nome di file prima o dopo la registrazione.
La qualità di registrazione se a 64 Kbps o a 128.
Una opzione per ottimizzare il volume del mixer per la registrazione.
La possibilità di scegliere quale scheda audio utilizzare per la registrazione, nell’eventualità se ne avete più di una.
L’opzione per impostare la fonte audio quali line in, aux, CD o microfono.

Una volta che avete installato il programma, c’è solo una cosa da fare, premere il pulsante grande per la registrazione. Freecorder comincia a catturare l’audio e vi mostra lo stato della cattura, visualizzando l’audio in entrata sulla sua built in VU meter. Freecorder include anche una guida online gratis, se proprio avete bisogno.

A beneficio di questa applicazione gratuita, Freecorder visualizza un piccolo annuncio sul fondo per le Tecnologie Applian quali altri prodotti più avanzati come Replay Radio, il loro VCR per la Radio, Radio Wizard, ecc.
Freecorder è un programma di utilità piccolo e pratico e al momento, la soluzione economica più facile per la registrazione di streaming audio.

Deframmentare Hard Disk con uno Screen Saver

Se avete un PC con Windows, magari non proprio recentissimo, sapete quanto siano importanti le operazioni di manutenzione del sistema, come la pulizia del disco, lo scan disk o la deframmentazione del disco. Microsoft come sapete benissimo offre dei tool di sistema per svolgere queste operazioni, ma non sono sempre i migliori sulla piazza.

Cercando su internet infatti ne troverete a decine molto più efficienti e soprattutto più leggeri di quello di Windows, come Disk SpeedUp per dirne uno. Oggi però voglio parlarvi di Auslogic Disk Defrag Screensaver, un software leggerissimo e poco invasivo, per di più gratis.

Come immaginate dal nome il software permette di deframmentare il pc mediante uno screensaver, ovvero avvierà il processo quando il Pc è inutilizzato, ottimizzando alla perfezione i consumi energetici, una volta che tornerete al pc disattivando lo screensaver il processo verrà stoppato e ripreso alla prossima pausa.

Va fatta una dovuta precisazione, la deframmentazione è un processo molto impegnativo per il disco, che non giova di certo da continue interruzioni, quindi vi consiglio di tenere attivo questo screen saver solo quando avrete intenzione di deframmentare e non sempre, in modo da evitare danneggiamenti al disco.

Il tutto quindi impegnerà davvero tanto tempo, sopratutto se non avete mai fatto questa tipologia di operazione, infatti ricordiamo che dipende molto anche dalla velocità del vostro hard disk.

Di certo una volta terminata l’operazione, ritroverete un PC davvero molto più performante rispetto a prima, visto l’ottimo lavoro che svolge la deframmentazione dell’hard disk.

Tuttavia il tutto dovrà essere effettuato quando non utilizzeremo il PC, visto che il tutto potrà durare anche diverse ore, dipende dalla capienza e sopratutto da quanto materiale abbiamo sul nostro hard disk.

Sappiamo, però che il tutto gioverà al nostro computer, quindi armiamoci di pazienza e per certo verrete ripagati, alla prossima guida.

Estendere Desktop su Due Schermi

Quante volte guardando video che trattano grafica su youtube ci è capitato di vedere un computer collegato a 2 schermi con desktop esteso. Funzione comodissima, utilizzata moltissimo dai grafici, dai videomaker, in particolare con Macintosh, ma utilizzabile molto facilmente anche su Windows.

Se possediamo un portatile verifichiamo che abbia l’ uscita per un secondo monitor.

Colleghiamo il secondo monitor e clicchiamo il tasto destro del mouse su una parte vuota del desktop. Clicchiamo su personalizza, poi su impostazioni schermo. Si aprirà la finestra delle impostazioni dello schermo, dove vedremo disegnati 2 schermi, identificati con i numeri 1 e 2. Clicchiamo una volta sullo schermo 2, poi più in basso flagghiamo l’ opzione “estendi desktop su questo monitor”. Clicchiamo su applica, poi su ok. Fatto! Ora possiamo per esempio vedere un film sullo schermo 2, mentre sullo schermo 1 lavoriamo tranquilamente dallo stesso computer!!!

Se il netbook non è dotato di una seconda uscita vga, verifichiamo se per caso ha un’ uscita aggiuntiva per tv od altro dispositivo ed andiamo ad utilizzare un riduttore a vga (il connettore blu dove solitamente colleghiamo lo schermo). Se utilizziamo un pc fisso possiamo utilizzare uno sdoppiatore vga.

Noteremo che nel secondo desktop non avremo però la barra del menu Start, se vogliamo aggiungerla, visualizzando esclusivamente sulla barra dello schermo 2 le finestre aperte solo su quello schermo, possiamo utilizzare il programma MonMan, scaricabile da questo sito.

Molto interessante.

Programmi per Gestire il Volume delle Casse

Il pannello di controllo per regolare il volume di Windows è molto scomodo. La soluzione è sostituirlo con Volumouse. Si tratta di un praticissimo programma gratuito che consente di regolare il volume delle casse con la rotellina del mouse, senza perdite di tempo o menu e sotto-menu da aprire. Eccolo in dettaglio.

Collegati sul sito Internet ufficiale di Volumouse e fai click sulla voce Download self install executable for automatic installation, che si trova in fondo alla pagina, per scaricare il programma sul tuo computer. Se preferisci usare una versione no-installa di Volumouse, clicca invece sulla voce Download Volumouse for manual installation.

A scaricamento completato apri, facendo doppio click su di esso, il file appena scaricato (volumouse_setup.exe) e, nella finestra che si apre, fai click prima su Next per due volte consecutive e poi su Install e Finish per terminare il processo di installazione di Volumouse. Avvia quindi il programma, facendo click sulla sua voce presente nella cartella NirSoft Volumouse del menu Start di Windows.

Nella finestra che si apre, utilizza i due menu a tendina collocati sotto la voce Use the wheel when per scegliere, rispettivamente, i tasti di tastiera e mouse da tenere premuti quando si desidera regolare il volume delle casse con la rotellina del mouse e clicca sul pulsante OK per salvare i cambiamenti.