Come Trasferire Video su iPhone Senza iTunes

Quando vuoi trasferire un video che hai scaricato da internet al tuo iPhone o sull’iPod o iPad di solito ti si consiglia di usare iTunes.

iTunes è un software gratuito prodotto dalla Apple, con la funzione di gestire e sincronizzare la musica, i video, i contatti, le applicazioni, i calendari, gli indirizzi email, i segnalibri dal computer all’iPhone. iTunes consente di massimizzare le prestazioni dell’iPhone, facendo risparmiare spazio nella memoria interna del dispositivo mobile.

iTunes è indubbiamente un ottimo software tuttavia il problema principale è che occupa parecchie risorse di sistema rallentando, consumando troppa RAM mentre è in esecuzione creando difficoltà in quei computer di non recente costruzione.

Grazie al lavoro intelligente di alcuni sviluppatori, è stato rilasciato un software gratuito, Copy Trans Manager il quale consente di sincronizzare il proprio pc con i dispositivi iPhone senza l’uso di iTunes.

Ci sono due versioni di Copy Trans Manager, quella classica che si installa attraverso il centro di controllo CopyTrans ed un’altra che non richiede alcuna installazione e può essere avviata anche da chiavetta USB di modo che puoi portarla con te ed utilizzarla in qualsiasi pc in modo semplice e veloce.

Per iniziare vai in questa pagina e scarica il Free Installer per la versione di CopyTrans Suite che include tutta una serie di software prodotti dall’azienda.

Una volta avviato il processo di installazione ti troverai questa finestra che indica il test di connessione. Clicca il bottone Test Connection. Ricordati di aggiungere la regola al tuo firewall per accettare il collegamento da CopyTrans qualora fallisca questa fase.

Una volta collegato il software con internet ti trovi davanti la finestra con elencati tutti i software offerti. Clicca CopyTrans Manager, il terzo collegamento come da figura:

L’interfaccia di  CopyTrans Manager è tradotta anche in italiano, quindi non troverai nessun tipo di difficoltà. Inoltre, appena lanciata ti viene offerto anche un link per la guida così da aiutarti in tutte le difficoltà che incontri.

Ora è giunto il momento di collegare il tuo dispositivo iPhone al computer mediante il cavetto USB in dotazione. Una volta collegato, il software lo rileva automaticamente ed entra in comunicazione.

Ora ti si presentano due modi per aggiungere musica o video dal computer al dispositivo mobile.

Il  più semplice in assoluto è quello di trascinare il file dalla cartella del pc direttamente nell’interfaccia del software in modalità drag and drop. Nulla di complicato. Basta selezionare il video e portarlo col mouse nell’area di CopyTrans Manager. Ricordati di premere il bottone Aggiorna presente nella parte superiore della finestra, quando hai eseguito l’operazione.

La seconda modalità è mediante la selezione del comando Aggiungi Tracce. Clicca Aggiungi Tracce , seleziona le tracce desiderate e clicca Apri. Questo è tutto. Ricordati sempre che se sei nel processo di aggiornamento manuale, di premere il bottone Aggiorna per dare un refresh alla interfaccia del programma.

Questo è quanto occorre sapere per trasferire ogni file dal tuo computer al dispositivo iPhone, iPod, iPad senza utilizzare iTunes, in modo veloce e facile. Tieni a mente che con CopyTrans Manager puoi eseguire un mucchio di operazioni come creare e gestire playlist, rimuovere tracce di musica e video sull’iPhone dal pc, modificare le informazioni delle tracce come il nome dell’artista, l’anno di uscita, il gruppo, il genere musicale e molto altro.

Come Rinominare più File Contemporaneamente

Prova a immaginare cosa potrebbe significare in termini di tempo rinominare migliaia di file manualmente nel tuo computer. Per fortuna che esistono software gratuiti che fanno questo per te, modificando il nome a più file allo stesso tempo in pochi minuti.

Uno delle situazioni più frequenti in cui avrai bisogno di rinominare velocemente molti file nel tuo hard disk o nella pendrive è quando devi gestire le fotografie scattate con la tua fotocamera digitale.

Se inserisci la fotocamera nel computer tramite il cavo USB in dotazione, ti si apre automaticamente la cartella dove sono collocate le fotografie realizzate. Moltissimi modelli di fotocamere attribuiscono sequenze alfa numeriche ai nomi delle immagini come nel caso mio che uso una Olympus.

Se vuoi creare un archivio personale, non è molto utile lasciare questi nomi casuali e privi di senso alle fotografie, sarebbe invece più logico attribuire dei parametri per fartele ricercare successivamente con maggiore facilità, come per esempio la data in cui sono state create, la località, chi le ha fatte e così via.

Ovviamente se disponi di poche fotografie, queste informazioni possono essere aggiunte manualmente, ma nel caso di centinaia di foto scattate? Come procedi? In questo caso è necessario utilizzare un software dedicato che ti consente di manipolare più file allo stesso tempo.

Uno dei software più semplici ed efficaci allo stesso tempo è Bulk Rename Utility, rilasciato con licenza gratuita. Il programma lavora con tutte le versioni di Windows e ti permette di rinominare non solo migliaia di file in pochi minuti ma anche gruppi di cartelle. Il tutto seguendo criteri scrupolosi stabiliti da te prima di avviare il processo.

Per scaricare il programma vai in questa pagina. Scegli la versione che corrisponde alla tua macchina (32 bit o 64 bit). L’installazione prende qualche secondo ed una volta lanciato il software ti ritrovi nell’ interfaccia principale.

A prima vista l’area di lavoro può sembrare una confusione totale, non farti impressionare dal numero elevato di opzioni disponibili, in realtà sono tutti i criteri con i quali rinominerai più file secondo le tue esigenze.

Bulk Rename Utility consente di modificare completamente il nome del file, aggiungendovi il testo che preferisci, la data, una o più lettere maiuscole e numeri progressivi.

Nel mio esempio mi preparo a rinominare oltre 300 fotografie scattate recentemente. Prima di tutto seleziono la cartella dove sono memorizzate mediante la finestra a sinistra, mentre in quella principale compare l’elenco.

Ora mi sposto nella parte inferiore dell’area di lavoro, dove sono presenti tutti i criteri che posso applicare all’operazione di rinominazione multipla.

RegEx
Trovi una lettera, una sillaba, un testo e li puoi sostituire con ciò che desideri. Includi anche l’estensione se selezioni Include Ext.

File
Mantieni lo stesso nome del file, cambiarlo completamente o applicare espressioni specifiche.

Repl
Sostituisci una parte del nome.

Case
Inserisci e modifica le lettere maiuscole ed inserisci eccezioni.

Remove
Rimuovi una lettera specifica agendo nella posizione sia a partire dall’inizio che dalla fine del nome.

Move
Sposta o copia i caratteri ad iniziare da una posizione scelta.

Add
Aggiungi un prefisso o un suffisso ed inserirlo nella posizione adatta, incluso lo spazio.

Auto Date
Inserisci la data con formattazione personalizzata.

Append Folder Name
Applica il nome della directory in cui sono memorizzate le foto, come prefisso o suffisso e con il carattere di separazione che specifico.

Numbering
Inserisci i numeri sia arabi che romani.

Extension
Cambia l’estensione o modifica a livello di maiuscolo e minuscolo.

Selections
Indico quali file e cartelle voglio modificare, qualora decido di non applicare il lavoro a tutte le immagini presenti nella directory selezionata dal programma.

New Location
Ti consente di lasciare la posizione dei file nella medesima cartella o di collocarli in una nuova cartella.

Ora è arrivato il momento di rinominare i file contenuti nella cartella. Premi dal menu Actions – Select All per selezionare tutte le fotografie. Fai attenzione che ogni criterio applicato è visualizzato in anteprima nella interfaccia alla seconda colonna New Name, di modo che puoi regolarti facilmente.

Per attivare il processo clicca il bottone Rename nella parte inferiore destra del software. Ora ogni operazione è conclusa e probabilmente non ti sei neanche accorto che ogni file è stato rinominato.

Come avrai intuito le operazioni da eseguire sono davvero numerose e grazie alle diverse funzionalità incluse puoi utilizzare Bulk Rename Utility nei casi più disparati, facendoti risparmiare un mucchio di tempo mentre stai lavorando o nelle tue faccende private.

Come Usare Android Come Modem

Quando mi collego ad internet con il mio Android non posso lamentarmi riguardo alla velocità di navigazione nelle varie pagine web.

Anche quando utilizzo il computer di casa non riscontro alcun tipo di problema, tutto va a gonfie vele. Sembrano passati i tempi in cui la banda larga creava spesso rallentamenti o intoppi, salvo casi particolari in cui diversi utenti riscontrano difficoltà ad accedere ad internet.

Avere un’ottima connessione ad internet con il telefono cellulare è sicuramente una cosa positiva, ma è decisamente un passo avanti poter utilizzare il dispositivo Android come modem. A volte mi capita di andare a pescare e per combattere i tempi morti porto con me il portatile.

In questo caso sarebbe realmente utile riuscire a collegarmi ad internet con il portatile usando come modem lo stesso Android.

Un modo molto veloce per trasformare il telefono Android in modem, senza acquistare dispositivi dedicati, è mediante l’installazione di un piccolo software chiamato PDAnet. Inoltre, devi disporre del cavo USB per collegare il telefono al computer.

L’installazione è velocissima. Non collegare subito l’Android e seleziona la marca del telefono fra quelle proposte nella finestra.

Non devi eseguire nessuna configurazione specifica, tutto avviene automaticamente.

Ora devi installare PDAnet nel tuo Android cliccando qui, oppure mediante la ricerca nel market di Android.

Se vuoi installare l’applicazione sul telefonino direttamente dal pc, allora segui le istruzioni indicate nella finestra che ti compare quando installi il programma nel computer, ossia accedendo alle configurazioni del mobile ed abilitando il debugging USB. Ora connetti il telefono usando il cavetto ed eventualmente seleziona Installa il software automaticamente. Quando hai terminato clicca OK.

Da questo momento in poi il tuo portatile o fisso si collega automaticamente a Internet usando come modem l’Android connesso con il cavo USB. Se ciò non si verifica per, clicca l’icona di PDAnet nella tua barra di sistema (System Tray) e clicca Connect to the internet.

PDAnet non è un software gratuito, la versione completa costa circa 12€, tuttavia puoi usare la versione di prova per testare pienamente il prodotto. Quando è scaduta la versione di prova, puoi continuare ad utilizzarlo ad esclusione delle connessioni sicure https. Quindi se vuoi accedere per esempio a gmail, con la versione di prova scaduta non potrai farlo. Per il resto funziona senza alcun tipo di difficoltà.

Come Convertire MP4 in MP3

Se hai bisogno di convertire un file MP4 nel formato popolare MP3 è perchè probabilmente devi ascoltarlo nel tuo lettore portatile MP3.

Prima di indicarti come fare, permettimi di spiegarti le principali differenze tra i file MP3 e MP4.

I file MP3 sono di piccola dimensione e presentano un alto livello qualitativo. Possono essere ascoltati con un player normale sul computer, come per esempio windows media player, oppure per mezzo dei numerosi lettori portatili mp3. Questo tipo di file possono essere facilmente creati sul computer con programmi dedicati oppure catturando la musica online con la scheda audio installata sul pc. Un altro metodo per avere file mp3 sul pc consiste nell’estrarre il contenuto dai cd usando un cd/dvd ripper.

I file MP4 sono utilizzati sia per l’audio che per i video. Questa tipologia di file consente una riproduzione in streaming su internet con un risultato qualitativo molto elevato e sono tipicamente utilizzati nei telefoni mobili. Dei file MP4 possiamo trovarne due tipi fondamentali: Simple Profile di bassa risoluzione digitale per la classica distribuzione in rete e Advanced Video Coding, dedicati ai contenuti ad altissima definizione.

Pertanto, i file MP3 sono usati per i file audio sui player MP3 mentre i file MP4 per lo streaming sui cellulari e in internet per video/audio.

Dopo questa piccola ma doverosa premessa, vediamo come convertire i file dal formato mp4 al formato mp3. Per fare questo suggerisco l’impiego di un software gratuito molto semplice, che non richiede particolari risorse di sistema, Free M4a to MP3 Converter.

Free M4a to MP3 Converter è assolutamente gratis sia che lo usi a casa, a scuola che nell’ambiente di lavoro.

Con esso puoi convertire anche da AAC a MP3, supportando un numero molto elevato di file in ingresso, come M4a, audio MP4, M4b (usati per i book digitali audio) e diversi altri formati audio che richiamano MPEG-4.

Per scaricare il software clicca qui. Il download dura una manciata di secondi, la dimensione del setup è di circa 5,6 MB. L’installazione è veloce e può essere eseguita anche in italiano.

L’interfaccia del programma è molto semplice ed intuitiva. Per iniziare, clicca il bottoneAggiungi File, nella parte sinistra superiore dell’area di lavoro.

Puoi selezionare il formato di uscita nel menù a tendina in basso a destra, dove sono disponibili le voci MP3 e WAV.

Se clicchi il bottone Imposta puoi configurare ulteriori opzioni come la frequenza, il tono, il bitrate ed altri valori che probabilmente non userai mai.

Per attivare il processo di conversione da MP4 a MP3 clicca il bottone Converti.

Il tuo MP3 ora si trova nella stessa cartella del file MP4 nel computer. Per personalizzare la directory dove salvare il file convertito, specifica una cartella personale selezionando la voce Cartella specificata nella parte inferiore del pannello di controllo.

Free M4a to MP3 Converter ti consente anche di convertire più file allo stesso tempo senza alterare il normale funzionamento del Pc.

Ovviamente questo è solo uno dei programmi che è possibile utilizzare questo tipo di operazione.In questa lista di convertitori audio su Nonsoloprogrammi.net è possibile trovare diversi altri strumenti con cui è possibile eseguire questo tipo di operazione in modo semplice e veloce.

Come Convertire Immagini in Icone

In teoria, ogni icona sul desktop del computer può essere completamente personalizzata e non solo con le icone preinstallate in Windows, ma con qualsiasi immagine ridimensionata e formattata secondo le specificità richieste da questa particolare estensione. Per cambiare l’icona di una cartella sul desktop, clicca con il pulsante destro del mouse, vai su proprietà, accedi alla scheda Personalizza e clicca il bottone Cambia Icona.

Per creare le icone si può ricorrere ai classici editor grafici che agiscono sulle dimensioni delle immagini salvandole in formato ICO oppure a software specifici con i quali si possono ottenere risultati molto più professionali.

Se non vuoi installare nessuna applicazione sul tuo computer puoi ricorrere ad un interessante servizio online di creazione icone gratuitamente chiamato ProDraw’s Pic-to-Icon.

Per iniziare vai in questa pagina. Clicca sul bottone Image Upload (ricordati che l’immagine da caricare deve essere inferiore ai 2 MB).

Quando hai selezionato e caricato l’immagine, si visualizzano diverse opzioni da impostare. Puoi selezionare il formato della icona fra ICO, PNG, GIF, JPG, BMP. Inoltre sei in grado di scegliere le dimensioni in uscita fra 16×16, 24×24, 32×32, 48×48, 57×57 (iPhone), 64×64, 72×72, 128×128, 256×256. Decidi se autoridimensionare l’icona, tagliarla automaticamente o ridimensionarla senza applicare trasformazioni. Infine, puoi aggiungere l’effetto ombra.

Clicca il bottone Apply per completare il processo. Il risultato è quasi istantaneo, il tempo necessario al server del servizio per completare il processo di trasformazione della immagine in icona. Per scaricare l’icona generata sul tuo pc clicca Click here to download the file.

Rispetto a molti altri servizi gratis in rete per convertire le immagini in icone, ProDraw’s Pic-to-Icon si rivela fra i più completi dandoti la possibilità di scegliere i formati e le dimensioni in uscita.